I.M.U. 2012

 

Dall’anno 2012, con Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201, è introdotta l’Imposta Municipale Propria Sperimentale che assorbe il prelievo fiscale dell’ICI.
 

Il presupposto impositivo è lo stesso dell’ICI, ossia il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli di cui all’art. 2 del D.Lgs. 504/1992, ivi compresa l’abitazione principale e le pertinenze.

Per pertinenze si intendono quegli immobili che sono classificati nelle categorie catastali C/2, C/6, C/7. Sulla base dell’art. 13, comma 2 del D.L. 201/2011, le pertinenze non possono essere più di una per ciascuna delle categorie catastali.

Scadenze:
Le scadenze 2012 sono le seguenti:

  • Acconto: 18 giugno 2012
  • Saldo: 17 dicembre 2012

Solo per l'abitazione principale si possono considerare 3 rate, con una intermedia al 16 settembre 2012, di cui gli acconti pari ad un 1/3 dell'imposta.


Modalità di pagamento:
Il versamento dell'imposta può essere effettuato tramite il modello F24, prelevabile direttamente dal sito dell'Agenzia delle Entrate (collegamento a f24 ordinario o f24 semplificato) precisando che il codice Ente/codice Comune per il Comune di Bovezzo è B102.

Codici tributo IMU:
Abitazione principale e relative pertinenze COMUNE: 3912
Altri fabbricati COMUNE: 3918
Altri fabbricati STATO: 3919
Fabbricati rurali ad uso strumentale COMUNE: 3913
Terreni COMUNE: 3914
Terreni STATO: 3915
Aree fabbricabili COMUNE: 3916
Aree fabbricabili STATO: 3917

Versamento minimo (da regolamento comunale): € 3,00
 

Aliquote:
In sede di acconto occorre considerare le aliquote stabilite dal sopra citato decreto e precisamente:

  • 0,4% per l'abitazione principale e pertinenze
  • 0,76% aliquota ordinaria

In sede di saldo si deve considerare l'imposta complessivamente dovuta per l'intero anno con conguaglio sulla prima rata applicando le aliquote deliberate dal Comune e precisamente:

  • 0,55% per l'abitazione principale e pertinenze
  • 1,00% aliquota ordinaria (di cui 0,38% annuo da versare allo Stato e 0,62% da versare al Comune utlizzando gli specifici codici)

Detrazione e maggiore detrazione:
Per l'abitazione principale, intesa come l'abitazione nella quale il contribuente e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente, compete la detrazione di € 200,00 eventualmente maggiorata di € 50,00 per ciascun figlio convivente di età non superiore a 26 anni. Il tetto massimo dell'ulteriore detrazione per i figli è di € 400,00.

Il link sottostante consente di effettuare il calcolo dell'I.M.U. da versare, visualizzare il Regolamento IMU e il modello di dichiarazione con le relative istruzioni. 

      CALCOLO IMU ONLINE                                 

Per approfondimenti è disponibile una breve guida all'I.M.U.