IMU - TASI e TARI 2016

Dal primo Gennaio 2016 il regolamento IUC è stato aggiornato a seguito delle modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015 n. 208), dal il D.Lgs 156/2015 (riforma del processo/contenzioso tributario) e D.Lgs 158/2015 (riforma del sistema sanzionatorio tributario) che hanno apportato novità circa l’applicazione dei tributi comunali, con particolare riferimento a Tasi ed IMU.

 
ALIQUOTE
 

TIPOLOGIA IMMOBILE

ALIQUOTA TASI

ALIQUOTA IMU

Immobili destinati ad abitazione principale e relative pertinenze (ad eccezione di quelli appartenenti alle cat. A1/A8/A9), nonché le fattispecie ad essa assimilate (vedi sez. estensione delle agevolazioni previste per l’abitazione principale)

Per le fattispecie assimilate richiesta dichiarazione IMU/TASI ove non già presentata

ESENTE

ESENTE

Immobili destinati ad abitazione principale soltanto per le categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e le relative pertinenze

ESENTE

5,5 per mille

(detrazione € 200,00)

Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita non soggetti al versamento dell’Imposta Municipale propria (immobili merce);

Richiesta dichiarazione IMU/TASI ove non già presentata

2,5 per mille

ESENTE

Immobili concessi in comodato gratuito a parenti di primo grado in linea retta, secondo le condizioni fissate nel Capo II del Regolamento comunale per l’istituzione e l’applicazione dell’Imposta Unica Comunale

Richiesta autocertificazione IMU/TASI ove non già presentata (su modelli predisposti dall’Ufficio  comodatogratuitocedente.pdf e comodatogratuitofruitore.pdf)

0

5,5 per mille

Immobili diversi dall’abitazione principale e dalle sue pertinenze

0

10 per mille

Immobili ad uso produttivo gruppo D

0

10 per mille

(quota statale 7,6 per mille, quota comunale 2,4 per mille)

Aree fabbricabili

0

10 per mille

Terreni agricoli (Bovezzo è classificato come comune montano)

ESENTE

ESENTE

NOVITA’ 2016

Immobili locati a canone concordato

Per tutti gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’IMU determinata applicando l’aliquota stabilita dal Comune, è ridotta al 75 per cento.

 

Ulteriori agevolazioni per Comodati Gratuiti introdotte dalla legge di stabilità 2016

E prevista la riduzione del 50 per cento della base imponibile per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado (genitori/figlio) che le utilizzano come abitazione principale.

Il beneficio spetta a condizione che:

  • il contratto di comodato sia registrato;
  • il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato.  

Il beneficio spetta altresì anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nelle stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle abitazioni classificate nelle categorie A/1-A/8 e A/9. Il soggetto passivo attesta i suddetti requisiti con la presentazione della dichiarazione IMU, così come previsto dall’articolo 9 comma 6 del D.Lgs. 14 marzo 2011 n.23.

ESTENSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE PER L’ABITAZIONE PRINCIPALE

  • il Comune considera direttamente adibite ad abitazione principale e relative pertinenze le unità abitative possedute a titolo di proprietà o di usufrutto o altro diritto reale da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. In caso di più unità immobiliari, la predetta agevolazione può essere applicata ad una sola unità immobiliare abitativa e relative pertinenze;
  • è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.

L’imposta municipale propria non si applica altresì:

  • alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, ivi incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica
  • ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali, come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008;
  • alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • all’unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco e, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28, comma 1, del D. Lgs. 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

QUANDO SI VERSA

Il versamento delle imposte è dovuto in due rate scadenti  la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre. E’ altresì possibile versare in unica soluzione per l’intero anno d’imposta entro il 16 Giugno.

 

COME SI EFFETTUA IL VERSAMENTO

I versamenti possono essere eseguiti presso tutti gli sportelli bancari e postali, ovvero on-line sul sito internet all’indirizzo: www.agenziaentrate.gov.it, utilizzando il modello F24 disponibile presso le banche, Poste Italiane Spa e agenti della riscossione e in formato elettronico sul medesimo sito. Nel predetto modello deve essere compilata la sezione “IMU ed altri tributi locali”, con l’indicazione dei codici tributo sotto indicati e del codice Comune B102 per i versamenti da effettuare al Comune di Bovezzo.

Gli importi dei versamenti sono arrotondati all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.

 

VERSAMENTO MINIMO

Il versamento non va effettuato se l’imposta dovuta per tutto l’anno, arrotondata secondo il precedente criterio, è inferiore a € 5,00.

CODICI TRIBUTO

IMU

TASI

TARI

Abitazione principale e relative pertinenze

(solo cat. A/1 a/8 a/9)

3912

Abitazione principale e pertinenze

 (anni 2014 – 2015)

3958

Tutti gli immobili

3944

Fabbricati rurali ad uso strumentale diversi da quelli classificati nel gruppo D

3913

Interessi

3962

Interessi

3945

Terreni agricoli

3914

Sanzioni

3963

Sanzioni

3946

Aree fabbricabili

3916

 

 

 

 

Altri fabbricati

3918

 

 

 

 

Immobili ad uso produttivo gruppo d – incremento comune (0,24%)

3930

 

 

 

 

Immobili ad uso produttivo gruppo d compresi i fabbricati rurali ad uso strumentale stato (0,76%)

3925

 

 

 

 

Interessi

3923

 

 

 

 

Sanzioni

3924

 

 

 

 

QUANDO E COME SI EFFETTUA LA DICHIARAZIONE

La dichiarazione va presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta. I modelli sono posti a disposizione dall’Ufficio tributi comunale e reperibili sul sito Internet del Ministero dell'economia e delle finanze www.finanze.gov.it in versione PDF editabile e possono essere utilizzati, purché vengano rispettate in fase di stampa le caratteristiche tecniche stabilite dal citato decreto. Sono inoltre disponibili in allegato in fondo a questa pagina.

REGOLAMENTO IUC

Con deliberazione di consiglio comunale n. 29 del 27/04/2016 è stato modificato il regolamento comunale per l'istituzione e l'applicazione dell'imposta unica comunale.

LA TASSA SUI RIFIUTI.

clicca per accedere alla pagina dedicata

AllegatoDimensione
dichiarazione_IMU[2].pdf40.24 KB
dichiarazione_IMU_istruzioni[1].pdf203.15 KB