Luoghi di Interesse

Il territorio del comune i Bovezzo ospita numerosi edifici di grande valore artistico, diversi dei quali possono essere visitati o ammirati dall'esterno.
Da vedere
Casa Mazzini: ha un portico quattrocentesco ad arcate basse e larghe, con resti di decorazione. Appartenne alla famiglia dello storico Jacopo Malvezzi.

Santuario di Sant'Onofrio: sul monte Spina a circa 1000 m di quota, eretto nel XV secolo. Contiene un ciclo di affreschi con scene della vita del santo attribuito al Romanino e una Madonna col Bambino attribuita al Foppa.

Casa Avogadro: della fine del Quattrocento, sul lato sud di piazza Gigi Rota. Scomparsa, salvo tre portalini scolpiti in marmo di Botticino, l'architettura esterna; all'interno portico con due colonne rustiche e capitelli fogliati con lo stemma. Nella galleria soffitto ligneo quattrocentesco a tavolette.

Vecchio oratorio: con resti della parrocchiale vecchia, risalente al 1480 (fregi e archetti romanici in cotto, con grossi peducci).

Palazzo Rampinelli: sulla strada per Cortine, ingrandito nel '700 dai Bordogni.

Palazzo Rota: sulla strada per Cortine, costruito tra '700 e '800 su progetto dell'ing. Vincenzo Berenzi, il quale riutilizzò, nella propria realizzazione neoclassica, materiale proveniente dal demolito Collegio ecclesiastico di Sant'Eustacchio. Nel lato ovest una cappella, con pala di Grazio Cossali.

Parrocchiale di Sant'Apollonio: rifatta nel primo Ottocento. Contiene una pala di Augusto Ugolini, affreschi di Giulio Motta (1823) e un pregevole organo Serassi (1859).