Versamento I.C.I.

VERSAMENTO I.C.I. 2011 

Per l'anno 2011  il contribuente dovrà tenere presente quanto segue: 

  • SCADENZE: Il pagamento dell'imposta dovuta al Comune per l'anno 2011 può essere effettuato in unica soluzione entro il 16 Giugno 2011 oppure in due rate:

Acconto: entro il 16 giugno 2011 pari al 50% dell'imposta dovuta per l'anno precedente

Saldo: dal 1° al 16 Dicembre 2011 a saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno.

  • ALIQUOTA ORDINARIA: 6,0 per mille
  • ALIQUOTA RIDOTTA: 5,5 per mille (Abitazione principale cat. A/1-A/8-A/9)
  • DETRAZIONE: €103,29
  • VERSAMENTO MINIMO: € 3,00  
  • ARROTONDAMENTI: Il pagamento dell'I.C.I.  deve essere effettuato con arrotondamento all'euro per difetto se la frazione è uguale o inferiore a 49 centesimi ovvero per eccesso se superiore a detto importo.    
  • MODALITA' DI VERSAMENTO:
    • riscossione diretta tramite c/c postale intestato a "Comune di Bovezzo - ICI - Servizio Tesoreria Via V. Veneto 28 - Bovezzo - NUMERO DI C/C POSTALE : 61046371
    • mediante l'utilizzo del modello F24 scaricabile dal sito dell'Agenzia delle Entrate raggiungibile mediante il seguente link.  

 

Si ricorda che con decreto legge n. 93 approvato dal Consiglio dei Ministri in data 27/05/2008 è stata decisa l'abolizione totale dell' I.C.I. sull'abitazione principale già a decorrere dall'anno 2008. Sono escluse dall'agevolazione le abitazioni di lusso, le ville e i castelli (categoria catastale A1, A8 e A9).

Al fine di una corretta applicazione dell'esenzione di cui sopra, si precisa , che, oltre alle fattispecie previste dalla legge, ai sensi del vigente Regolamento Comunale in materia di I.C.I., beneficiano della suddetta esenzione anche le seguenti casistiche:

  1. abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziano o disabile che acquisisce la residenza in istituto di ricovero o sanitario a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.
  2. abitazione concessa in uso gratuito, senza l'esistenza di un diritto reale di godimento, ai parenti di primo grado (genitori e figli) che vi abbiano fissato la residenza anagrafica.  L'uso gratuito è provato dall'assenza di locazione, accertata mediante dichiarazione sostitutiva di atto notorio da presentare in prima applicazione entro il 16 dicembre dell'anno di riferimento con validità anche per le annualità successive.
  3. le pertinenze dell'abitazione principale, precisando che il rapporto pertinenziale viene riconosciuto limitatamente ad un solo immobile per ognuna delle categorie C/6 e C/2.

L'Ufficio tributi (tel. 030-2111209 e 030-2111221) è a completa disposizione per qualsiasi necessità di chiarimento o per effettuare segnalazioni o comunicare variazioni nei seguenti orari:

dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e il lunedì e mercoledì pomeriggio anche dalle ore 16.00 alle ore 17,30.